Indice Off Topic Recensioni Anime & Manga Manga The record of a fallen Vampire - Scheda Manga e Recensione

The record of a fallen Vampire - Scheda Manga e Recensione

Moderatori: Co-Administrator, Members, Collaboratore, Administrator


octopus Avatar utente
Collaboratore
Collaboratore

Messaggi: 1083
Immagine

Titolo Originale: Vampire Juujikai
Titolo Inglese: The Record of a Fallen Vampire
Storia: Kyo Shirodaira
Disegni: Yuri Kimura
Edit. Originale: Square enix
Rivista di pubblicazione: Monthly Shōnen Gangan
Tipologia: shōnen
Genere: Fantasy, Soprannaturale, Mistero
Anno: 2003-2007
Vol. originali:9 (completato)
Disponibilità: completa Star comics

Volumi/capitoli letti: 9 volumi

Voto: 9

Recnsione

Questa storia inizia un migliaio di anni fa, quando sulla terra esisteva un piccolo regno, oggi del tutto scomparso e ricordato solo nei miti e nelle leggende. Il nome di quel regno era "La monarchia della notte" e questa storia si incentra sul suo ultimo Re; colui che è stato condannato e perseguitato per oltre un migliaio di anni senza che nessuno sia mai riuscito a prenderlo...almeno fino ad oggi. Il nome di questo Re era Akabara "Red Rose" Strauss ed era un Vampiro.
Ora, quando si pensa ai Vampiri, subito si pensa a mostri che vanno in giro di notte a succhiare il sangue delle vittime di turno e magari trovare accoliti trasformando le persone in cacciatori assassini come loro. Il bello di questa storia, ed è uno dei motivi per cui mi piace, è che presentano questa razza, quella del vampiro, sotto una luce completamente nuova. Il bello di questa manga è che non esiste nella realtà un cattivo, anche se è ciò che si vuol far credere. E la comparsa del vero cattivo, in questo caso gli alieni (già, gli autori qui hanno deciso di non farsi mancare niente) sarà la chiave a questo viaggio che non sarà più volto alla caccia di un supercattivo, od almeno questo passerà in secondo piano, dato che ora egli è assolutamente necessario per salvare il pianeta da una minaccia ancora più grande. Perché più grande? Perché sono passati più di 1000 anni da quando i vampiri giravano liberi la notte, ed ora la razza umana li ricorda solo come miti e/o leggende. Come invenzioni. Gli unici a sapere la verità sono pochi e di questi pochi la maggioranza è di sangue misto, ossia nelle sue vene scorre in minima parte del sangue di vampiro. E perché il cattivo ora non lo si deve più cercare e intrappolare. Si sa chi è. Si è mostrato. Ma è irrangiungibile per i mezzi umani. Ecco che nasce così una seconda sottotrama. Da una parte la storia prosegue con la ricerca del sigillo che imprigiona la moglie di Strauss, la regina Adelaide, in modo da poter affrontare il nemico, dall'altra al contempo si muta in un viaggio alla ricerca della verità. Si cerca di scoprire cosa sia successo quella fatidica notte di un lontano passato, quando il Re della notte, da tutti temuto e rispettato ha letteralmente buttato via il suo regno. Un viaggio che alla fine insegna al lettore che non c'è un male assoluto, ma che in ogni cosa, che sia essa un oggetto od un essere vivente c'è del bene e del male. Una storia che insegna come a volte un uomo solo possa segnare il confine tra la pace e la guerra, tra la prosperità e la distruzione. Perché un uomo ha portato la prosperità e la vita, ma un'altro uomo al contrario è stata la causa di distruzione e rovina.
C'è solo una cosa che i due personaggi avevano capito e cioè che il vero male del mondo è il potere, in special modo quello assoluto.
Immagine

Torna a Manga